Fare i conti con l’ambiente 2019: con il Progetto G-100 per il futuro dei giovani!

Mancano 30 giorni al via del “festival formativo” di Ravenna su rifiuti, acqua, energia, bonifiche e sostenibilità: oltre 50 iniziative previste.

Ravenna – Milano, aprile 2019

Fare i conti con l’ambiente, il festival ravennate su rifiuti, acqua, energie, bonifiche e sostenibilità (8-10 maggio, https://www.labelab.it/ravenna2019/) dimostra ancora una volta il proprio spirito innovativo ed al passo con i tempi rilanciando un’importante iniziativa rivolta ai giovani.

Nel corso dei 3 giorni, infatti, sono presenti ben 4 Scuole di Alta Formazione (bonifiche dei siti contaminati, gestione dei rifiuti, gestione dei servizi idrici, gestione dei servizi pubblici locali). Labelab (https://www.labelab.it), organizzatore dell’evento, dimostra ancora una volta attenzione per i giovani, soprattutto in questo momento in cui abbracciano consapevolmente la lotta ai cambiamenti climatici con il #climatestrike e #fridaysforfuture, proponendo il Progetto G-100 che prevede l’ammissione gratuita per 100 ragazzi in 5 anni alle menzionate Scuole di Alta Formazione.

Un investimento molto importante, in termini economici ed organizzativi, che pone l’accento sulla formazione come strumento fondamentale per acquisire maggiori conoscenze e competenze immediatamente spendibili nel mercato del lavoro. Per competere in un ambiente contraddistinto da cambiamenti sostanziali e continui, è fondamentale acquisire un bagaglio culturale e personale che sia utile ad entrare in maniera qualificata e qualificante nel mondo del lavoro.

L’Economia Verde comprende una miriade di opportunità nei settori energetico, gestione rifiuti e risorse idriche, aria, mobilità, edilizia sostenibile e ambientale.

Mario Sunseri e Giovanni Montresori, responsabili della manifestazione, commentano così:La manifestazione racconta un Italia innovativa e competitiva che annovera fra le sue leve di eccellenza proprio l’Economia Verde, l’investimento su sostenibilità ed efficienza necessita di figure professionali sempre più formate e capaci di lavorare su reti ampie di scambio delle competenze: l’evento si dedica a rafforzare questi elementi”

Fare i conti con l’Ambiente sarà anche tre giorni di incontri, scambio, informazione, di approfondimenti e conoscenza sulle nuove tecnologie e sui processi industriali. Approfondimenti tematici sviluppati in collaborazione con reti esterne (associazioni, enti ed aziende), con il contributo del mondo delle università, dei ricercatori, dell’impresa, dei mass media e del no-profit dedicati sia al mondo tecnico amministrativo sia ai cittadini.

In questa 12^ edizione sono programmate oltre 50 iniziative (fra cui numerosi i momenti formativi gratuiti riconosciuti dagli ordini professionali), che si svolgeranno interamente nel centro storico pedonale di Ravenna all’interno di 12 sale attrezzate): “Fare i conti con l’ambiente” si configura come un vero e proprio festival formativo con un’ampia rassegna di conferenze, seminari di formazione (denominati labmeeting) e workshop in grado di abbracciare tutti i segmenti di attualità tecnico-scientifica del settore rifiuti, acqua, energia, bonifiche e sostenibilità ambientale (programma disponibile qui: https://www.labelab.it/ravenna2019/eventi/).

Sunseri e Montresori concludono: “L’evento si rinnova tutti gli anni grazie alla forte collaborazione di partner e istituzioni. L’ampiezza dei temi trattati abbraccia tutte le tematiche dell’economia circolare: la gestione della risorsa idrica con i cambiamenti Climatici (Ordine Ingegneri e Romagna Acque), la subsidenza con i Geologi, gli inquinanti emergenti nell’acqua (Ordine Chimici e Fisici), i Servizi pubblici locali in Emilia Romagna, il  Decommissioning  con TECHNO, il Giornalismo Ambientale, l’approfondimento della  TARIFFA RIFIUTI con OPERATE, l’economia circolare con il Tecnopolo, la Gestione dei FIUMI UNITI e LAMONE in Emilia Romagna, la gestione dei rifiuti inerti con HUMANA, l’edilizia Sostenibile con GBC, gli appalti verdi – certificazione, la gestione delle acque reflue con ATIA-ISWA, il progetto Europeo BLUE GROWTH, il Bosco coltivato ad Arte, la Certificazione Ambientale dei Distretti Cluster, gli Stati Generali dei Rifiuti Inerti con ANPAR, la 231 nel settore ambientale, sono alcuni dei temi trattati in questa nuova importante edizione”.

Tutte le iniziative sono gratuite, con la sola esclusione degli eventi ospitati (Scuole). La manifestazione sarà preceduta il 6 e 7 maggio dalla SCUOLA DELLE ENERGIE DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA (a cura di ITS).

Ricordiamo che Fare i Conti con l’Ambiente significa anche formazione completa e accreditata per i professionisti con la possibilità di ricevere Crediti Formativi Professionali. La manifestazione si caratterizza come evento sempre attivo grazie alla presenza H24 sul web con blog e social media presidiati con coerenza.

 

PROFILO MANIFESTAZIONE

Ravenna2019 si conferma una delle manifestazioni “green” più originali del panorama italiano, con un format che miscela contenuti dall’alto valore tecnico-scientifico calati all’interno di un “palcoscenico” particolare come il centro storico di un delle principali città d’arte italiane. Efficace e originale è anche lo sviluppo “dal basso” dell’iniziativa, con il coinvolgimento di tutti gli attori (istituzioni, associazioni di categoria, imprese, ecc) attraverso la regia di labelab, con un team di professionisti operante nel settore dei rifiuti, dell’acqua, dell’energia. Viene mantenuta la struttura delle passate edizioni con una programmazione integrata di Conferenze, Workshop, Labmeeting (Seminari tecnici) ed Eventi Culturali. Sono inoltre ospitate quattro Scuole di Alta Formazione sui Rifiuti, Bonifiche, Sistemi Idrici e Servizi Pubblici Locali organizzate in collaborazione con i principali centri di ricerca italiani ed esteri.

LABELAB

Labelab, società specializzata nei settori del ciclo dei rifiuti, dell’acqua e dell’energia, dal 2001 opera all’interno dei sevizi pubblici locali, svolgendo attività di progettazione e consulenza ambientale, unitamente a servizi specifici di settore: dall’ideazione e gestione di eventi settoriali alla formazione specialistica, dallo sviluppo di software alla realizzazione di portali web, fino al benchmarking per i settori di competenza. Il laboratorio Labelab, costituito da un team interdisciplinare di professionisti, pone al centro della sua attività varie tematiche ambientali, con particolare attenzione ai seguenti settori: rifiuti, acqua, energia, bonifiche, aria e mobilità. Portatrice di un approccio innovativo e pionieristico, Labelab opera sul mercato italiano da quasi 20 anni sviluppandosi con un crescendo costante e acquisendo dimensioni, know-how specialistico e capacità operative tali da farne un punto di riferimento e una realtà unica nel panorama di settore del nostro Paese. Sin dalla nascita, Labelab ha svolto la sua attività di business in modo proattivo e con la massima apertura verso gli operatori dei vari settori, con l’obiettivo di “fare cultura” e di diffondere – nell’interesse di tutti, operatori, istituzioni, clienti, cittadini – le conoscenze acquisite e le esperienze maturate. Ciò le ha fatto indossare anche i panni di organizzatore di molteplici iniziative “open content”, di tipo no-profit, che hanno aggregato un amplissimo network di operatori e che si sono affermate come pietre-miliari nello sviluppo delle conoscenze e delle competenze nel campo ambientale.

 

Programma